Home » Glossario

Glossario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

A
ANIMALE TRANSGENICO: Un animale nel quale DNA estraneo introdotto artificialmente viene incorporato in modo stabile nella linea germinale. Ciò è ottenibile in due modi: mediante microiniezione in un pronucleo, oppure, come nel caso dei topi transgenici, mediante l’uso di cellule staminali embrionali.
ANTICORPO: Proteina (immunoglobulina) sintetizzata da un linfocita B e che riconosce un sito specifico sull’antigene. La molecola di immunoglobulina consta di due catene pesanti identiche e di due catene leggere ugualmente identiche.
ANTICORPO MONOCLONALE: Tipo unico di anticorpo diretto contro un epitopo specifico (determinante antigenico) e prodotto da una linea cellulare di ibridomi, formati per fusione di un linfocita con una cellula tumorale. Alcune cellule tumorali sintetizzano naturalmente anticorpi unici.
ANTICORPO POLICLONALE: Campione di siero contenente anticorpi che si legano a determinanti antigenici differenti di uno stesso antigene.
ARABIDOPSIS THALIANA: Pianta dotata di un minuscolo genoma che serve da organismo modello per studiare la crescita e lo sviluppo delle piante.
RITORNA SU
B
BATTERIOFAGO: Un virus che infetta le cellule batteriche. Spesso indicato con la forma abbreviata di fago.
BIOMATERIALE: Materiale usato in sostituzione dei tessuti organici specialmente nei trapianti.
BIOTECNOLOGIA: È l’insieme di tutte le tecnologie che utilizzano organismi viventi (batteri, lieviti, cellule vegetali o animali …) o loro componenti sub-cellulari per lo sviluppo di nuovi prodotti o processi. In questa definizione rientrano, evidentemente, anche le biotecnologie tradizionali, come l’utilizzo delle attività fermentative dei microrganismi. Oggi, le biotecnologie ‘innovative’ identificano le attività che fanno ricorso alle tecniche dell’ingegneria genetica, prima fra tutte quella del DNA ricombinante.
RITORNA SU
C
CDNA: DNA sintetizzato dall’enzima trascrittasi inversa utilizzando l’mRNA come stampo. Il prodotto iniziale è un DNA a singolo filamento che ha una sequenza complementare a quella dell’mRNA
CELLULE GERMINALI E SOMATICHE: Germinali sono tutti quegli elementi di un organismo destinati alla riproduzione, quindi spermatozoi e ovociti. Somatiche, invece, sono le cellule che costituiscono gli organi di un individuo. Nella specie umana, e in tutte quelle animali, i due tipi di cellule si separano già nel corso delle prime fasi dello sviluppo embrionale.
CELLULE STAMINALI EMBRIONALI (CELLULE ES): Una linea cellulare derivata da cellule embrionali pluripotenti e indifferenziate. Le linee di cellule ES murine solitamente vengono utilizzate come veicolo per trasferire DNA estreneo nella linea germinale e produrre topi transgenici
CELLULE STAMINALI: Le cellule staminali sono cellule in grado di crescere trasformandosi in qualsiasi cellula del corpo. Vere e proprie cellule progenitrici, si trovano, oltre che nell’embrione, nel midollo osseo, nel cordone ombelicale e in una piccola riserva nel cervello adulto.
CLONAZIONE: La produzione di più individui geneticamente identici. Si può ottenere dopo la fecondazione, suddividendo un embrione in più cellule identiche che si svilupperanno in più individui geneticamente uguali; oppure sostituendo il nucleo di una cellula uovo con il nucleo prelevato da una cellula somatica: l’embrione che si sviluppa sarà geneticamente identico al donatore del nucleo.
CLONAGGIO DI ESPRESSIONE: Una forma di clonaggio del DNA in cui il vettore (vettore di espressione) contiene sequenze di regolazione progettate per assicurare l’espressione di una sequenza di DNA codificante inserita, ottenendo la sintesi di un peptide estraneo.

RITORNA SU
D
DNA (ACIDO DEOSSIRIBONUCLEICO) Il DNA è la molecola che costituisce i geni: la sua struttura a doppia elica racchiude e trasmette tutte le informazioni necessarie allo sviluppo e alle funzioni biologiche e riproduttive della singola cellula o dell’individuo pluricellulare.
DNA RICOMBINANTE: Tecnica dell’ingegneria genetica che permette di estrarre il DNA dalla cellula di un organismo, isolarne i geni che interessano e inserirli (eventualmente dopo averli modificati) in cellule di organismi diversi. In questo modo è possibile modificare il corredo genetico di un organismo e quindi trasferirgli delle caratteristiche di cui era privo.
RITORNA SU
E
ENZIMA: Proteina che funziona da catalizzatore biologico: è cioè in grado di facilitare o rendere realizzabile una specifica reazione biochimica.
RITORNA SU
F
FINGERPRINTING DEL DNA: L’uso di una sonda di DNA minisatellite ipervariabile su un Southern blot per produrre una serie di bande specifiche per ciascun individuo al fine di identificare individui o rapporti di parentela.
RITORNA SU
G
GENE: Piccolissima quantità di DNA situata nel nucleo della cellula, capace di duplicarsi, mutare e trasmettersi indefinitamente per eredità. È l’unità fondamentale del sistema genetico: determina le caratteristiche strutturali e funzionali di ciascun individuo. Alcuni geni, presenti normalmente nelle cellule, sono in grado di impedire la crescita di un tumore. Questi geni ‘oncosoppressori’ agiscono annullando gli effetti di una mutazione precedente e ripristinando la funzione originaria.
GENOMA: L’insieme del patrimonio ereditario di un organismo che corrisponde, in senso fisico, all’insieme del DNA.
RITORNA SU
H

RITORNA SU
I
INGEGNERIA GENETICA: L’insieme di tecniche multidisciplinari volte a isolare, analizzare e modificare elementi del patrimonio genetico di un organismo o di un individuo.
IMPRINTING GENETICO: Qualsiasi meccanismo mediante il quale singole cellule esprimano l’allele paterno o quello materno, ma non entrambi. Comunemente riferito ai geni autosomici
RITORNA SU
J
RITORNA SU
K
RITORNA SU
L
LIBRERIA DI DNA: Una raccolta di cloni cellulari contenenti cloni differenti di DNA ricombinante, che collettivamente sono rappresentativi di una fonte complessa di DNA
RITORNA SU
M
MAPPA DI RESTRIZIONE: Una rappresentazione grafica delle localizzazioni dei siti di restrizione all’interno di una sequenza di DNA
RITORNA SU
N
NORTHERN BLOT: Una forma di ibridazione molecolare nella quale il bersaglio è costituito da molecole di RNA precedentemente suddivise in base alle dimensioni, mediante un elettroforesi su gel, e poi trasferite su una membrana
NUCLEOSIDE: Combinazione di una base (purinica o pirimidinica) legata in via covalente con uno zucchero a cinque atomi di carbonio (pentosio).
NUCLEOTIDE: Combinazione di un nucleoside con uno o più gruppi fosfato congiunti con il carbonio 5’ del pentosio
RITORNA SU
O
OGM: È la sigla con la quale si indicano gli ‘Organismi Geneticamente Modificati’, quelli cioè le cui caratteristiche sono state migliorate con la tecnica del DNA ricombinante.
RITORNA SU
P
PROGETTO GENOMA: Termine con il quale si definisce la mappatura dell’intero genoma umano portata a compimento nel 2000 tramite il lavoro congiunto di centinaia di laboratori di ricerca nel mondo.
RITORNA SU
Q
RITORNA SU
R
RETROVIRUS: Un virus ad RNA con la capacità di effettuare la trascrizione inversa, che permette al genoma ad RNA di essere copiato in cDNA prima di integrarsi nei cromosomi di una cellula ospite RNA (ACIDO RIBONUCLEICO) Acido nucleico che serve a registrare le informazioni genetiche e a trasferirle dal nucleo al citoplasma: è sostanzialmente un messaggero che recapita gli ‘ordini’ provenienti dal DNA. E’ costituito da ribonucleotidi uniti da ponti fosfodiestere
RITORNA SU
S
SENSORE: trasforma la grandezza fisica da misurare in un segnale (generalmente elettrico) utilizzabile dai successivi elementi del sistema di misura. Molti sensori hanno un elemento sensibile primario, seguito da un elemento di conversione
SISTEMA IMMUNITARIO: È costituito dall’insieme di cellule e molecole in grado di discriminare tra ciò che è proprio dell’organismo e ciò che non lo è, e quindi di eliminare le componenti estranee. Il sistema immunitario è anche in grado di individuare e neutralizzare i componenti propri dell’organismo.
SITO DI RESTRIZIONE: Una corta sequenza di DNA, spesso lunga 4-8 bp, che viene riconosciuta da una nucleasi di restrizione
SONDA: Un frammento di DNA o di RNA che è stato marcato e viene usato in un saggio di ibridazione molecolare per identificare sequenze di DNA o di RNA che abbiano una sequenza strettamente correlata a quella della sonda
SOUTHERN BLOT: Una forma di ibridazione molecolare in cui l’acido nucleico bersaglio è costituito da molecole di DNA che sono state suddivise in base alle dimensioni mediante un’elettroforesi su gel e successivamente trasferite su una membrana di nitrocellulosa o di nylon
RITORNA SU
T
TERAPIA GENICA: Il tentativo di trattare una malattia mediante la modificazione genetica delle cellule di un paziente
TRANSGENICO È l’organismo, vegetale o animale, il cui genoma sia stato modificato mediante l’introduzione di geni estranei con la tecnica del DNA ricombinante.
RITORNA SU
U
RITORNA SU
V
RITORNA SU
W
WESTERN BLOTTING: Un processo nel quale le proteine sono suddivise in base alle dimensioni in un gel di poliacrilamide prima di essere trasferite su una membrana di nitrocellulosa per essere sondate con un anticorpo
RITORNA SU
X
RITORNA SU
Y
RITORNA SU
Z